altriluoghi this is not fast fashion

Stato d’animo

Altriluoghi è più di un marchio, è uno stato d’animo e un’esperienza di fabbrica diffusa in cui ogni protagonista apporta il proprio know how e tutto l’entusiasmo necessario a realizzare un prodotto prima di tutto bello e sottinteso buono. Questa è la piccola rivoluzione dedicata a chi è stufo degli slogan Io sono verde che campeggiano un po’ ovunque senza aggiungere nulla di originale. Con Altriluoghi si vuole celebrare il ritorno al buongusto!

I capi Altriluoghi comunicano coerenza: con l’acquisto del cotone biologico dai produttori del commercio equo e la trasformazione in Italia, rispettano i diritti dei lavoratori a sud e a nord del mondo.  Il cotone proviene dalle piantagioni Maikaal in India dove dal 1991 si pratica la coltivazione biodinamica. Mentre tutte le altre lavorazioni del capo avvengono interamente in Italia.

Altriluoghi si misura così in un progetto ambizioso: coniugare moda e sostenibilità suggerendo un punto di equilibrio nel contrasto tra nuovo basic e nuovo lusso. Dove lusso non è sfoggio di ricchezza inutile. Il nuovo lusso è una prerogativa di una produzione rispettosa del futuro.

Nell’immagine in evidenza: Take away, la nostra istallazione al Pitti Taste di Firenze che riassume i nostri obiettivi aziendali.